Blog: http://alessandrovilla.ilcannocchiale.it

Caro Gesù Bambino… (By *Ale*)

S. Natale 2007
 
 
Caro Gesù Bambino…
Lo so che per scriverti la letterina sono ormai diventato troppo grande (purtroppo) però quest’anno sento troppo il bisogno di farlo e quindi, dato che, alla tua esistenza, di questi tempi -  fatti solo di guerre, dissapori e superficialità - . Sono sempre meno le persone alle quali ci credono, vorrei che le mie parole arrivassero dirette al tuo cuore affinchè nel mio possa esistere quel minimo spiraglio di quella famosa luce chiamata speranza che mi possa dare la forza per credere che non devo ancora smettere di sperare che un giorno tutto ciò che mi hai donato di bello (e di tanto prezioso per me), possa rivivere nella vita di tutti i miei giorni.
Sai, mio caro Gesù: ogni notte, nella mia camera, mentre faccio il mio solito esame di coscienza, mi chiedo quale sia l’utilità del silenzio che regna tra gli uomini: in fondo, sei stato tu stesso a darci la parola… o sbaglio?
Non sei, forse, stato tu a crearci imperfetti per poter far si che, nel corso della nostra vita, commettessimo degli sbagli – da umili peccatori quali siamo nati – per poter. così, crescere imparando qualcosa che ci servirà un domani quando alla fine della nostra vita terrena, il nostro spirito possa giungere puro di fronte al tuo cospetto?
Non sei forse stato tu a dire che IL PERDONO NOBILITA L’UOMO?
E’ vero, Signore: nessun uomo, fino a che non avrà terminato il suo cammino su questa terra, non sarà mai degno di te…
Nel corso della mia vita, sino ad ora, di sbagli ne ho commessi tanti e tanti ne farò ancora; non so quanti ma spero siano che, questi, sempre meno e vorrei che, più che una speranza, questa sia la promessa che, da uomo umile, ti faccio.
Ripercorrendo le tappe fondamentali che hanno caratterizzato questo mio anno di vita, spero di essere stato buono con tutte le persone che hanno fatto parte dei miei giorni.
Forse sarò stato un pò noioso, logorroico e pesante con qualcuno ma questo è perché ancora non so far fronte a determinate situazioni difficili che, quando capitano, mi mandano in tilt.
Alla fine però, credo che tu mi abbia saputo capire e, per farmi tornare sulla giusta via da percorrere, mi hai donato delle persone nuove che, col sorriso, mi hanno preso per mano e, piano piano, mi hanno ripulito l’anima dal fango che mi ha sporcato quando. prendendo la direzione sbagliata, sono caduto in un burrone nel quale credevo di morirci dentro, però, ancora una volta, grazie alla tua bontà, il mio grido disperato che chiedeva aiuto. ha avuto un’eco sufficiente per poter essere sentita dai passanti.
Ti sembrerò ingrato ora, dopo tutto quello che tu hai fatto per me, a chiederti ancora un ultima cosa,dato che sei stato tu ad insegnarmi il valore di ogni singola persona, proprio con questa parabola…
 
"Un pastore ha cento pecore che al mattino porta a pascolare.
Alla sera ritorna al suo ovile e le conta tutte, una per una, ma... 90, 97, 98...... 99 ??? ..... ne manca una!
Allora lascia le novantanove pecore al sicuro nel recinto e va in cerca della pecorella smarrita per tutta la notte; quando l'ha trovata, l'abbracci a se la mette sulle sue spalle e torna a casa pieno di gioia per fare festa.
"
 
Una delle mie pecorelle è scomparsa e, nonostante tutti la strada che ho già percorso per cercarla, ancora non l’ho ritrovata e quindi vorrei chiederti se PER FAVORE, POTRESTI INDICARMI LA GIUSTA DIREZIONE .
Lo so che, se è scomparsa, molto probabilmente, E’ STATA SOLO COLPA MIA che non sono stato capace di proteggerla doverosamente, nonostante lei, con la sua calda lana, in quel lungo e freddo inverno, durante il quale non avevo più capanna, mi ha sempre avvolto col suo manto per ripararmi dal gelo della notte ma prometto che,se mi aiuti a ritrovarla,non la metterò più in condizioni di fuggire e assieme a lei, saprò essere più sereno anche con tutto il resto del gregge…
TE LO PROMETTO SOLENNEMENTE!
In fine, non mi resta altro da fare se non ringraziarti in anticipo per la comprensione e per l’aiuto che, anche stavolta, ne sono certo, non stenterai a darmi… soprattutto sotto Natale perché… A NATALE SONO TUTTI PIU’ BUONI!!!!!!!!!!
 
Sinceri, cari saluti dal tuo umile servo pasticcione…
*Alessandro*

Pubblicato il 6/12/2007 alle 17.39 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web