Blog: http://alessandrovilla.ilcannocchiale.it

Un villaggio a punta

Un villaggio a punta

C'era una volta un villaggio
che era fatto a punta...la...la...la...
A punta erano le case
a punta anche le teste...la...la...la...
sedie gelati melograni blu
erano punta in su...la...la...la...
Ma dalla pancia di una mamma
nacque un bambino tondo tondo...la...al...la...
rotonda era la sua testa,
rotonde anche le orecchie...la...la...la...
sarebbe stato come gli altri
ma senza la rotondità...la...la..la..
Corre veloce fra le case
questa notizia strana...la...la...la...
chiusi nella loro reggia
ne parlano i potenti...la...la...la...
hanno deciso che così non va:
nella foresta andrà...la..la..la...

(Parlato)

E così si inoltrò nella foresta
triste e solo
dove incontrò
alberi fiori e piante
che gli dissero
che essere diversi non vuol dire essere sbagliati.

Torna felice al suo paese
sicuro di restare...la...la...la...
tiene nascosta una sorpresa
che a tutti vuol mostrare...la...la...la...
toglie il cappello dalla testa
ma la punta comparirà...la...la...la...
Mentre la gente sta a guardare
succede un fatto strano...la...la...la...
le teste cominciano a calare
diventano rotonde...la...la...la...
e a questo punto più nessuno sa
qual'è la normalità...la...la...la...

Pubblicato il 26/11/2010 alle 9.51 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web